Si pubblica la programmazione didattico – pedagogica della Scuola dell’Infanzia per l’anno scolastico 2018/2019.

Il tema di quest’anno scolastico è “Viaggio tra i popoli nel mondo”.

Premessa

La nostra fase storica è ormai caratterizzata da molteplici esperienze migratorie, da rapporti sempre più frequenti tra persone di lingue e culture diverse e, purtroppo, da numerosi conflitti. In questa ottica, si colloca un progetto che educhi prima di tutto alla pace, alla fratellanza, all’uguaglianza, alla valorizzazione della diversità per poi dare particolare risalto ad un’educazione multiculturale ed interculturale. Il compito educativo della scuola è quello di fare una mediazione fra le diverse culture nella logica di una convivenza costruttiva in un tessuto sociale e culturale multiforme. Questo significa accettazione e rispetto del diverso, riconoscimento della loro identità culturale in prospettiva di un effettivo inserimento sociale. Anche la scuola dell’infanzia può dare il suo prezioso e valido contributo proponendosi come luogo dove esprimere, elaborare, sublimare e convogliare verso mete costruttive.
Per crescere, per educarsi, è necessario incontrare qualcun altro; qualcuno con cui confrontarci, qualcuno che ascolti e da ascoltare, capace di essere al contempo limite e risorsa stimolando così un dialogo serio, rispettoso, costruttivo.
Nelle indicazioni si introduce anche un nuovo paragrafo: “per una nuova cittadinanza”, dove si sottolinea che la scuola, in quanto comunità educante, genera una diffusa convivialità relazionale, intessuta di linguaggi affettivi ed emotivi….
La scuola affianca al compito “dell’insegnare ad apprendere” quello “dell’insegnare ad essere”.
Inoltre nell’Atto d’indirizzo (2009) per la scuola dell’infanzia si sottolinea la corresponsabilità con la famiglia nel condividere modalità educative e chiedere un impegno a camminare insieme per essere cittadini capaci di relazioni positive con tutti.

PROGETTO

L’Interculturalità educa il bambino a riconoscere nella diversità culturale la più grande risorsa umana; al rispetto della persona ; alla cittadinanza, attenta all’azione formativa della nostra Costituzione, che agli articoli 2 e 3 così recita:

Art. 2

• La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale.

Art. 3

• Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.

OBIETIVI FORMATIVI

Promuovere la formazione di conoscenze e atteggiamenti che inducono a stabilire rapporti dinamici tra le culture e creare un clima relazionale, nella sezione e nella scuola, favorevole al dialogo, alla comprensione e alla collaborazione, intesi non solo come accettazione e rispetto delle idee e dei valori delle altre culture, ma come rafforzamento della propria identità culturale, nella prospettiva di un reciproco cambiamento e arricchimento

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

Il riferimento prioritario va al documento “Cultura, Scuola, Persona”, introduttivo delle Indicazioni Nazionali per la costruzione del curricolo di scuola. (4 settembre 2007)
• Spingere gli alunni a scelte autonome e feconde.
• Costruire alleanze educative stabili con i genitori.
• Costruire alleanze con il territorio circostante e le comunità di appartenenza.

ITINERARIO DIDATTICO

Al centro della nostra sezione, sarà la nostra magica partenza su di un mappamondo che ci condurrà in diversi luoghi, in un’atmosfera di magia e immaginazione . Ogni paese sarà introdotto da un racconto che ci aiuterà a meglio comprendere le differenze somatiche, di lingua, di usi, e tradizioni.

SCARICA L’INTERO PROGETTO IN PDF